0

ANSA: VENERDÌ 29 MARZO 2019 13.40.13

-ROMA, 29 MAR – “La cultura dei diritti delle persone puo’ crescere e trovare ascolto unicamente nel rispetto delle diversita’ e delle scelte individuali: da questa consapevolezza muove la nostra ferma contrarieta’ al Congresso mondiale delle famiglie in corso a Verona”. Lo afferma Gloria Soavi, presidente Cismai, Coordinamento Italiano dei Servizi contro il Maltrattamento e l’Abuso all’Infanzia “Il clima culturale nel quale il Wcf si e’ sviluppato e la proposta che avanza da quella sede – aggiunge – negano la storia e il cammino delle conquiste di donne e uomini del nostro tempo, con il rischio evidente che si arretri sul piano dei diritti inalienabili di ciascuno. Il riferimento alla famiglia tradizionale, quale unico luogo deputato alla cura e alla protezione dei figli e dei minori di eta’, tende a negare l’esistenza di altre forme di famiglia. Non si trova riscontro nella letteratura scientifica circa l’inadeguatezza alla cura dei figli da parte delle famiglie cosiddette ‘arcobaleno'”. Secondo Soavi, “i bambini hanno bisogno di adulti che si prendano cura di loro e di crescere circondati da amore e protezione, a prescindere dal loro orientamento sessuale. La prospettiva del Congresso ci riporta indietro e non aiuta a comprendere i fenomeni della societa’ che cambia. Questo rende piu’ difficile l’impegno di chi, come il Cismai – conclude – si occupa da sempre di prevenzione e contrasto alla violenza e al maltrattamento sui minori di eta’”.(ANSA)