0

wersm-wam-twitter-online-harassment-657x360-640x360

Il 29 settembre scorso il Cismai Veneto, in collaborazione con il centro specialistico “I girasoli” (Ulls di Padova), ha organizzato a Padova il seminario “Navigare senza affondare”, sui rischi dei nuovi media nella violenza ai minorenni e gli interventi da mettere in atto.

Più di 300 persone fra operatori socio-sanitari, forze dell’ordine e della polizia postale, insegnanti hanno seguito con grande partecipazione alle relazioni che proponevano vari temi importanti per la prevenzione, la presa in carico e le azioni di contrasto rispetto a questo fenomeno sempre più dilagante.

Dopo i saluti delle varie autorità locali l’introduzione alla giornata della Referente Regionale Veneto Roberta Maschio e la Responsabile del Centro “I girasoli”, Maria Elisa Antonioli.

Il modello presentato, frutto di anni di lavoro anche attraverso i progetti Europei del Dicam, che hanno visto l’integrazione delle competenze del Cismai, Save the Children e Polizia Postale delle Comunicazioni, ribadisce la necessità di interventi interistituzionali e multidisciplinari per intercettare e intervenire su un fenomeno che sempre di più vede coinvolti bambini ed adolescenti.

I vari interventi hanno affrontato la prevenzione ( Silvia Allegro- Save the Children), la presa in carico sociale( Franca Seniga-Cismai), le sfide del trattamento clinico delle vittime ( Gloria Soavi-Cismai) e le azioni di contrasto ( De Martino-Polizia Postale). A seguire la presentazione di buone prassi presenti nel territorio ( Marini- Ulss Treviso; Danelusso e De Carolis –Latisana)