I LEADER CHIEDONO UN’AZIONE PER PROTEGGERE I BAMBINI DALLA VIOLENZA E DAGLI ABUSI DURANTE IL COVID-19

Le organizzazioni mondiali scrivono ai governanti sui rischi per i bambini nei giorni della pandemia da Covid-19. Tra questi l’Ispcan di cui il Cismai è unico partner italiano.
21 sono le organizzazioni leader nel mondo che hanno sottoscritto questo documento con cui si chiede ai governi di integrare i piani di emergenza da COVID-19 con misure di tutela e protezione per le bambine e i bambini. Se da un lato ogni sforzo va compiuto per contenere la pandemia, dall’altro non possiamo ignorare che proprio le norme di isolamento e rarefazione dei contatti sociali stanno esponendo i bambini ad un aumentato rischio di violenza, inclusi maltrattamenti, violenza di genere e sfruttamento sessuale. Vi si legge ciò che, in una certa misura, anche la petizione Che impatto avrà l’isolamento sui bambini “invisibili”? chiede al nostro governo: elevare il livello di tutela e protezione per i minori di età che vivono in condizioni di fragilità o in contesti famigliari poveri e disfunzionali. Sostenere le famiglie in difficoltà. Non trascurare i segnali di allarme. Esercitare protezione e assistenza continue per i bambini. Irrobustire i servizi anche online.
Inoltre si fa esplicito richiamo ai pericoli che provengono dalla Rete: “mentre le comunità online sono diventate centrali per mantenere l’apprendimento, il supporto e il gioco di molti bambini, sta anche aumentando la loro esposizione al cyberbullismo, al comportamento online rischioso e allo sfruttamento sessuale.”
Non è solo il CISMAI che avvisa dei rischi, sono Unicef, WHO, Ispcam, Save the Children….oltre a tante altre organizzazioni nazionali. Si tratta di quella numerosa parte del mondo che conosce i rischi a cui sono esposti i bambini e che “continuerà a sostenere e investire in soluzioni efficaci per la protezione dei minori”
Buona lettura!

VIOLENZA CONTRO I BAMBINI:
UNA CRISI NASCOSTA DELLA PANDEMIA DI COVID-19

Oggi, 21 leader globali si sono uniti in solidarietà per condividere le loro preoccupazioni, chiedere un’azione e impegnare il loro sostegno per proteggere i bambini dall’accresciuto rischio di violenza e per ridurre l’impatto di COVID-19 sui bambini in ogni paese e comunità.

Attraverso una dichiarazione congiunta, questi leader chiedono uno sforzo urgente e unito per affrontare la violenza contro i bambini come parte della più ampia risposta a COVID-19. Ognuno ha un ruolo da svolgere in questa risposta, compresi la comunità internazionale e i leader di ogni settore. In particolare, la dichiarazione riconosce che i governi dovrebbero garantire che i piani di prevenzione e risposta COVID-19 integrino misure adeguate all’età e sensibili al genere per proteggere i bambini dalla violenza, dallo sfruttamento e dagli abusi.

Ti invitiamo a condividere questa dichiarazione con i tuoi partner e le tue reti per aiutarti a scatenare azioni a livello locale, nazionale e globale.

Leggi la dichiarazione dei leader per intero,  scarica il PDF  e condividi via Twitter , Facebook o Instagram .

DICHIARAZIONE DEI LEADER

La pandemia COVID-19 sta avendo un impatto devastante in tutto il mondo. Gli sforzi per contenere il coronavirus sono fondamentali per la salute della popolazione mondiale, ma stanno anche esponendo i bambini ad un aumentato rischio di violenza, tra cui maltrattamenti, violenza di genere e sfruttamento sessuale.

Come leader di organizzazioni impegnate a porre fine alla violenza contro i bambini, ci uniamo in solidarietà per condividere la nostra profonda preoccupazione, chiedere un’azione e impegnare il nostro sostegno per proteggere i bambini dalla violenza e ridurre l’impatto di COVID-19 sui bambini in ogni paese e comunità.

Un terzo della popolazione mondiale è in stato di blocco COVID-19 e le chiusure delle scuole hanno avuto un impatto su oltre 1,5 miliardi di bambini. Restrizioni al movimento, perdita di reddito, isolamento, sovraffollamento e alti livelli di stress e ansia stanno aumentando la probabilità che i bambini sperimentino e osservino abusi fisici, psicologici e sessuali a casa – in particolare quei bambini che vivono già in situazioni familiari violente o disfunzionali. E mentre le comunità online sono diventate centrali per mantenere l’apprendimento, il supporto e il gioco di molti bambini, sta anche aumentando la loro esposizione al cyberbullismo, al comportamento rischioso online e allo sfruttamento sessuale.

La situazione è aggravata dalla mancanza di accesso dei bambini agli amici della scuola, agli insegnanti, agli assistenti sociali e allo spazio e ai servizi sicuri offerti dalle scuole. I bambini più vulnerabili – compresi rifugiati, migranti e bambini sfollati, privati ​​della libertà, che vivono senza cure parentali, vivono in strada e nei quartieri poveri, con disabilità e vivono in zone colpite da conflitti – sono particolarmente preoccupati . Per molti, la crescente vulnerabilità economica aumenterà la minaccia del lavoro minorile, del matrimonio e della tratta di minori.

Dobbiamo agire ora. Insieme, chiediamo ai governi, alla comunità internazionale e ai leader di ogni settore di rispondere urgentemente con uno sforzo unito per proteggere i bambini dall’accresciuto rischio di violenza, sfruttamento e abuso come parte della più ampia risposta a COVID-19.

I governi hanno un ruolo centrale da svolgere. Devono garantire che i piani di prevenzione e risposta COVID-19 integrino misure adeguate all’età e sensibili al genere per proteggere tutti i bambini da violenza, abbandono e abusi. I servizi di protezione dell’infanzia e i lavoratori devono essere designati come essenziali e dotati di risorse adeguate.

Lavorando con e sostenendo i governi, la nostra risposta collettiva deve includere: mantenere i servizi sanitari e di assistenza sociale essenziali, inclusi la salute mentale e il supporto psicosociale; fornire la gestione dei casi di protezione dei minori e le misure di assistenza alternativa in caso di emergenza; garantire la protezione sociale per i bambini e le famiglie più vulnerabili; assistenza e protezione continue per i bambini nelle istituzioni; e comunicare con e coinvolgere genitori, caregiver e bambini stessi con informazioni e consigli basati sull’evidenza. Le linee guida nazionali, i consulenti scolastici e altri meccanismi di segnalazione a misura di bambino consentono ai bambini in difficoltà di chiedere aiuto e devono essere adattati alle sfide di COVID-19.

Dati i maggiori rischi di danni online, le aziende tecnologiche e i fornitori di servizi di telecomunicazione devono fare tutto il possibile per proteggere i bambini online. Ciò include l’accesso a servizi di assistenza all’infanzia gratuiti, servizi adeguati all’età e piattaforme di educazione elettronica sicure e l’utilizzo delle loro piattaforme per condividere i consigli sulla sicurezza online dei minori. Devono anche fare di più per rilevare e bloccare le attività dannose contro i minori online, compresa la cura e la creazione e distribuzione di immagini e video di abusi sessuali su minori.

Come organizzazioni globali che lavorano per porre fine alla violenza contro i bambini, continueremo a sostenere e investire in soluzioni efficaci per la protezione dei minori. Svilupperemo e condivideremo collettivamente risorse tecniche e orientamento per politici, professionisti, genitori, operatori sanitari e bambini stessi. E sosterremo la coraggiosa salute, la protezione dei minori e i professionisti umanitari che lavorano 24 ore su 24 per mantenere i bambini al sicuro in questi tempi senza precedenti.

Negli ultimi anni, la comunità globale ha fatto notevoli progressi nel proteggere i bambini dalla violenza. Non dobbiamo permettere che tali guadagni vadano persi durante l’attuale tumulto. Dobbiamo fare tutto il possibile per mantenere i bambini al sicuro ora. E dobbiamo pianificare insieme insieme, in modo che una volta finita la crisi sanitaria immediata, possiamo tornare sulla buona strada verso l’obiettivo di porre fine a tutte le forme di violenza, abuso e abbandono dei bambini.

 

VISITA IL SITO

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su xing
Condividi su pinterest

Per garantirti un esperienza migliore del nostro sito web utilizziamo i cookie. Per maggiori dettagli o per gestire il consenso clicca qui.