La Sindrome da Alienazione Parentale (PAS) è illegittima. Il commento del Presidente CISMAI Visci

La Sindrome da Alienazione Parentale (PAS) è illegittima. Lo  dichiara la Corte di Cassazione con l’Ordinanza n. 286/2022 depositata il 24 marzo 2022, accogliendo in toto il ricorso presentato dalla signora Laura Massaro e “annulla la decisione di decadenza dalla responsabilità genitoriale sul figlio minore e di trasferimento del bambino in casa – famiglia”.

Per la Corte di Cassazione “il richiamo alla sindrome di alienazione parentale e ad ogni suo, piu’ o meno evidente, anche inconsapevole corollario, non puo’ dirsi legittimo, costituendo il fondamento pseudoscientifico di provvedimenti gravemente incisivi sulla vita dei inori in ordine alla decadenza della responsabilità genitoriale della madre”.

Questa Ordinanza pone finalmente fine a contenzioni estenuanti e carichi di sofferenza per le madri e, soprattutto, per i minori e che ha anche dato la stura a proposte di legge che, anche sulla c.d. sindrome da alienazione parentale hanno costruito il loro impianto.

L’Ordinanza della Cassazione, infatti, osserva che “il diritto alla bigenitorialità, così come ogni altra decisione assunta per realizzarlo, non puo’ rispondere a formula astratta nell’assoluta indifferenza in ordine alle conseguenze sulla vita del minore, privato ex-abrupto del riferimento alla figura materna con la quale, nel caso concreto, come emerge inequivocabilmente dagli atti, ha sempre convissuto felicemente, coltivando serenamente i propri interessi di bambino e frequentando felicemente la scuola.”

La Sentenza della Cassazione sul caso di Laura Massaro fara’ storia, ha commentato la sen. Valeria Valente, perché interviene su tre aspetti fondamentali : “l’alienazione parentale viene condannata e messa al bando, il superiore interesse del minore viene rimesso al centro anche rispetto al diritto alla bigenitorialità e viene detto che essi non sempre coincidono e che di fronte alla necessità per il bambino di ricostruire un rapporto con il padre bisogna sempre considerare il suoi trauma nel distacco“.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su xing
Condividi su pinterest

Per garantirti un esperienza migliore del nostro sito web utilizziamo i cookie. Per maggiori dettagli o per gestire il consenso clicca qui.