La Turchia si ritira dalla Convenzione di Istanbul, la condanna del Presidente Cismai Giovanni Visci

Nel tentativo di solleticare le frange tradizionaliste e reazionarie della società turca, la deriva autoritaria e antidemocratica di Erdogan, ha preso di mira anche la violenza contro le donne  e contro gli abusi intrafamiliari che erano il “core” della Convenzione di Istanbul, entrata in vigore nel 2011 e sottoscritta anche dalla UE e dall’Italia.

In un Paese che ha assistito nell’ultimo anno alla morte di quasi 500 donne per femminicidio e altre condizioni sospette, la decisione di uscire dalla Convenzione di Istanbul alimenta la preoccupazione per la condizione delle donne turche e, in assoluto, per tutte le vittime di maltrattamenti e abusi intrafamiliari.

Il CISMAI guarda con grande preoccupazione le decisioni del Governo turco rammentando che molto spesso quanti hanno subito e/o assistito alla violenza intrafamiliare sono più spesso nel corso della loro vita vittime e/o attori di violenza nei confronti delle donne e dei bambini.

Il CISMAI sollecita il Governo e le Istituzioni a denunciare i pericoli derivanti da questa decisione anche attraverso ferme prese di posizione della Comunità Europea.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su xing
Condividi su pinterest

Per garantirti un esperienza migliore del nostro sito web utilizziamo i cookie. Per maggiori dettagli o per gestire il consenso clicca qui.