0

da Redattore Sociale 

A parlare è Gloria Soavi, presidente Cismai, tra i firmatari della lettera al governo perché vari misure in grado di tutelare i bambini e i ragazzi più fragili: “Il nostro lavoro si basa su relazione e vicinanza: è proprio per questo che è così difficile capire come muoversi”

FERRARA – “Questo periodo è difficile per tutti, e certo lo è per i bambini. La sospensione dell’attività scolastica ha avuto conseguenze: di fronte alle misure messe in campo dalle istituzioni per fermare il contagio, genitori e bambini hanno dovuto sperimentare un nuovo modo di relazionarsi e anche di studiare. Per i più piccoli è complesso a prescindere, anche se hai un genitore che ti spiega, che fa i compiti con te, che intercetta le tue ansie. E cosa succede quando bambini e ragazzi vivono in condizioni di disagio, di povertà educativa o sociale? Cosa succede quando sono vittime di violenza assistita, abusi, maltrattamenti? Per questo abbiamo scritto l’appello a governo e istituzioni: per richiamare fortemente l’attenzione sulla condizione dei bambini, soprattutto quelli più fragili”. Gloria Soavi, presidente del Cismai, il Coordinamento italiano dei servizi contro il maltrattamento e l’abuso all’infanzia, tra i promotori dell’appello, ribadisce le posizioni espresse da decine di associazioni e professionisti che si occupano della tutela dei minori per chiedere al governo misure urgenti a sostegno dei più giovani.

Bambini che vivono in famiglie problematiche, inadatte a intercettare i loro bisogni, ma anche bambini fuori famiglia o in una situazione a rischio che non possono essere accolti altrove. “Stiamo lavorando a una mappatura interna delle criticità riscontrate dai nostri operatori, vogliamo rispondere alla domanda: cosa possiamo fare di più? La condivisione di criticità ed esperienze sono un bagaglio da cui non possiamo prescindere. I tribunali hanno sospeso le attività, mettendo a rischio i casi che, in un periodo ‘normale’, sarebbero stati segnalati e presi in carico. In questo drammatico momento storico, l’infanzia non può rimanere invisibile: diamo ai bambini l’attenzione che meritano, le conseguenze potrebbero essere gravissime”.

La richiesta avanzata dalle associazioni – oltre a Cismai anche Agevolando, Cnca, Sos Villaggi, solo per citarne alcune – è quella di mettere in sicurezza chi ne ha bisogno, offrendo un forte sostegno psicologico ed educativo. Sostegno che non deve essere fatto mancare nemmeno agli operatori e agli insegnanti, in questa emergenza spesso chiamati ad assumere il ruolo di adulti di riferimento per giovani e giovanissimi in difficoltà. “Cominciamo già a organizzarci adesso per il dopo – è l’invito di Soavi -. Non spezziamo le reti, importantissime e oliate, che abbiamo”: è in questo senso, per esempio, che va una delle misure contenute nell’appello, quella della sensibilizzazione delle forze dell’ordine, invitate a dare tempestivo riscontro alle chiamate di aiuto che ricevono.

Continua a leggere su Redattore Sociale