Minori, Cismai: “Mettere in sicurezza chi ne ha bisogno e dare sostegno”

da Redattore Sociale 

A parlare è Gloria Soavi, presidente Cismai, tra i firmatari della lettera al governo perché vari misure in grado di tutelare i bambini e i ragazzi più fragili: “Il nostro lavoro si basa su relazione e vicinanza: è proprio per questo che è così difficile capire come muoversi”

FERRARA – “Questo periodo è difficile per tutti, e certo lo è per i bambini. La sospensione dell’attività scolastica ha avuto conseguenze: di fronte alle misure messe in campo dalle istituzioni per fermare il contagio, genitori e bambini hanno dovuto sperimentare un nuovo modo di relazionarsi e anche di studiare. Per i più piccoli è complesso a prescindere, anche se hai un genitore che ti spiega, che fa i compiti con te, che intercetta le tue ansie. E cosa succede quando bambini e ragazzi vivono in condizioni di disagio, di povertà educativa o sociale? Cosa succede quando sono vittime di violenza assistita, abusi, maltrattamenti? Per questo abbiamo scritto l’appello a governo e istituzioni: per richiamare fortemente l’attenzione sulla condizione dei bambini, soprattutto quelli più fragili”. Gloria Soavi, presidente del Cismai, il Coordinamento italiano dei servizi contro il maltrattamento e l’abuso all’infanzia, tra i promotori dell’appello, ribadisce le posizioni espresse da decine di associazioni e professionisti che si occupano della tutela dei minori per chiedere al governo misure urgenti a sostegno dei più giovani.

Bambini che vivono in famiglie problematiche, inadatte a intercettare i loro bisogni, ma anche bambini fuori famiglia o in una situazione a rischio che non possono essere accolti altrove. “Stiamo lavorando a una mappatura interna delle criticità riscontrate dai nostri operatori, vogliamo rispondere alla domanda: cosa possiamo fare di più? La condivisione di criticità ed esperienze sono un bagaglio da cui non possiamo prescindere. I tribunali hanno sospeso le attività, mettendo a rischio i casi che, in un periodo ‘normale’, sarebbero stati segnalati e presi in carico. In questo drammatico momento storico, l’infanzia non può rimanere invisibile: diamo ai bambini l’attenzione che meritano, le conseguenze potrebbero essere gravissime”.

La richiesta avanzata dalle associazioni – oltre a Cismai anche Agevolando, Cnca, Sos Villaggi, solo per citarne alcune – è quella di mettere in sicurezza chi ne ha bisogno, offrendo un forte sostegno psicologico ed educativo. Sostegno che non deve essere fatto mancare nemmeno agli operatori e agli insegnanti, in questa emergenza spesso chiamati ad assumere il ruolo di adulti di riferimento per giovani e giovanissimi in difficoltà. “Cominciamo già a organizzarci adesso per il dopo – è l’invito di Soavi -. Non spezziamo le reti, importantissime e oliate, che abbiamo”: è in questo senso, per esempio, che va una delle misure contenute nell’appello, quella della sensibilizzazione delle forze dell’ordine, invitate a dare tempestivo riscontro alle chiamate di aiuto che ricevono.

Continua a leggere su Redattore Sociale

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su xing
Condividi su pinterest

Ultimi articoli

Per garantirti un esperienza migliore del nostro sito web utilizziamo i cookie. Per maggiori dettagli o per gestire il consenso clicca qui.