Riforma della giustizia civile, stralciare la parte relativa alla giustizia minorile

Riforma della giustizia civile, stralciare la parte relativa alla giustizia minorile
La rete #5BuoneRagioni chiede alle istituzioni di aprire un tavolo di confronto

La rete #5BuoneRagioni – composta da Associazione Agevolando, Coordinamento Italiano Servizi contro il Maltrattamento all’Infanzia (CISMAI), Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (CNCA), Coordinamento Nazionale Comunità per Minori (CNCM) e SOS Villaggi dei Bambini – chiede che sia stralciata dalla legge delega sulla riforma della giustizia civile la parte relativa alla giustizia minorile e che venga aperto un tavolo di confronto interistituzionale ad hoc.

A tal fine la rete ha inviato una lettera al governo e ad altri referenti istituzionali per far presente le numerose e gravi criticità contenute nel testo della legge delega e avanzare le sue richieste. Appare difficilmente comprensibile che un tale cambiamento della giustizia minorile sia stato introdotto e approvato in tempi rapidissimi e senza alcun confronto con alcune istituzioni e i soggetti del terzo settore interessati.

#5BuoneRagioni ritiene che questa riforma non risponda affatto all’obiettivo di migliorare la giustizia minorile per le seguenti ragioni:

  • l’istituzione del Tribunale unico per le persone, per i minorenni e per le famiglie, invocata dalla gran parte degli addetti ai lavori, non supera – nella formulazione prevista nella legge delega – l’attuale situazione di frammentazione delle competenze, che resterebbero separate tra quelle attribuite al Tribunale ordinario e quelle assegnate al Tribunale per i minorenni;
  • l’attribuzione a un giudice monocratico (Tribunale ordinario) di tutti i provvedimenti di valutazione della responsabilità genitoriale, le limitazioni o le decadenze dalla responsabilità genitoriale, gli allontanamenti, la decisione in merito all’affidamento familiare o all’accoglienza in comunità residenziale, costituisce un deciso passo indietro rispetto all’attuale sistema, che prevede invece l’attivazione di un organismo collegiale e interdisciplinare, in grado di assicurare tutte le competenze e le sensibilità necessarie per valutare situazioni difficili che non riguardano solo reati, ma condizioni di vita personali e familiari. A tal proposito, preoccupa in particolare che, in tale sede, l’ascolto del minore sia delegato al solo giudice, che ha una competenza di carattere giuridico e formata sull’interrogatorio, non sul linguaggio, i tempi e i luoghi dell’ascolto di un minorenne e della sua famiglia;
  • le competenze che rimangono all’attuale Tribunale per i minorenni vengono sì assolte in un contesto di collegialità (due giudici togati e due giudici onorari), ma i giudici onorari non avranno diritto di voto, con un impoverimento della loro funzione;
  • i tempi dei procedimenti rischiano di allungarsi, invece di accorciarsi, come vorrebbe la riforma. In particolare, il giudice monocratico, per svolgere le sue funzioni, non potendo più contare sulla competenza dei giudici onorari, dovrà necessariamente ricorrere alle consulenze tecniche d’ufficio, con conseguenti, pericolosi e incongrui allungamenti dei tempi; inoltre, anche il passaggio dei procedimenti dal giudice monocratico al Tribunale per i minorenni, o viceversa, caso non infrequente, comporterà un sensibile allungamento dei tempi;
  • la riforma non prevede risorse aggiuntive per l’implementazione del nuovo sistema, che sarebbero invece necessarie per assicurare l’efficacia e l’efficienza dell’azione giudiziaria.

Per queste ragioni, la rete #5BuoneRagioni chiede che una eventuale modifica dell’assetto della giustizia minorile venga realizzata solo dopo un approfondito confronto con tutti i soggetti pubblici e privati interessati.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su xing
Condividi su pinterest

Ultimi articoli

Per garantirti un esperienza migliore del nostro sito web utilizziamo i cookie. Per maggiori dettagli o per gestire il consenso clicca qui.